https://religiousopinions.com
Slider Image

Culto shintoista: tradizioni e pratiche

Lo shintoismo (che significa la via degli dei) è il più antico sistema di credenze indigeno nella storia giapponese. Le sue credenze e riti sono praticati da oltre 112 milioni di persone.

Key Takeaways: Shinto Worship

  • Al centro dello shintoismo c'è la credenza e il culto del kami ... l'essenza dello spirito che può essere presente in tutte le cose.
  • Secondo la credenza shintoista, lo stato naturale degli esseri umani è la purezza. L'impurità deriva da eventi quotidiani ma può essere purificata attraverso il rituale.
  • Visitare santuari, purificare, recitare preghiere e fare offerte sono pratiche shintoiste essenziali.
  • I funerali non si svolgono nei santuari shintoisti, poiché la morte è considerata impura

In particolare, lo shintoismo non ha una divinità sacra, nessun testo sacro, nessuna figura fondante e nessuna dottrina centrale. Invece, il culto del kami è centrale nella credenza shintoista. Kami è l'essenza dello spirito che può essere presente in tutte le cose. Tutta la vita, i fenomeni naturali, gli oggetti e gli esseri umani (viventi o deceduti) possono essere vasi per il kami. La riverenza verso il kami è mantenuta dalla pratica regolare di riti e rituali, purificazione, preghiere, offerte e danze.

Credenze shintoiste

Non esiste un testo sacro o una divinità centrale nella credenza shintoista, quindi l'adorazione è condotta attraverso il rituale e la tradizione. Le seguenti credenze modellano questi rituali.

Kami

La credenza fondamentale nel cuore dello shintoismo è nel kami: spiriti informi che animano qualsiasi cosa di grandezza. Per facilità di comprensione, i kami sono talvolta definiti come divinità o divinità, ma questa definizione non è corretta. I kami shintoisti non sono poteri superiori o esseri supremi e non dettano il giusto e lo sbagliato.

I kami sono considerati amorali e non necessariamente puniscono o premiano. Ad esempio, uno tsunami ha un kami, ma essere colpito da uno tsunami non è considerato una punizione da un kami arrabbiato. Tuttavia, si pensa che i kami esercitino potere e abilità. In shintoista, è importante placare il kami attraverso riti e rituali.

Purezza e impurità

A differenza di azioni o peccati illeciti in altre religioni del mondo, i concetti di purezza (kiyome) e impurità (kegare) sono temporanei e mutevoli in Shinto. La purificazione è fatta per buona fortuna e tranquillità piuttosto che per aderire a una dottrina, sebbene in presenza di kami, la purezza sia essenziale.

In shintoismo, il valore predefinito per tutti gli esseri umani è la bontà. Gli esseri umani sono nati puri, senza alcun peccato originale, e possono facilmente tornare a quello stato. L'impurità deriva da eventi quotidiani, intenzionali e non intenzionali, come lesioni o malattie, inquinamento ambientale, mestruazioni e morte. Essere impuri significa separarsi dal kami, il che rende difficile la fortuna, la felicità e la pace della mente, se non impossibile da raggiungere. La purificazione (harae o harai) è qualsiasi rituale destinato a liberare una persona o un oggetto di impurità (kegare).

Harae proviene dalla storia fondatrice del Giappone, durante la quale due kami, Izanagi e Izanami, furono incaricati dal kami originale di portare forma e struttura nel mondo. i kami che li abitano, ma la nascita del kami del fuoco alla fine uccise Izanami. Disperata di dispiacere, Izanagi seguì il suo amore negli inferi e rimase sconvolta nel vedere il suo cadavere marcire, infestato dai vermi. Izanagi fuggì dagli inferi e si purificò con acqua; il risultato fu la nascita del kami del sole, della luna e delle tempeste

Pratiche shintoiste

Lo shintoismo è sostenuto dall'adesione alle pratiche tradizionali che sono state passate attraverso secoli di storia giapponese.

Santuario di Fushimi Inari a Kyoto. Adam Hester / The Image Bank / Getty Images

Visiting Shrines (Omairi)

I santuari shintoisti (Jinji) sono luoghi pubblici costruiti per ospitare il kami. Chiunque è invitato a visitare i santuari pubblici, anche se ci sono alcune pratiche che dovrebbero essere osservate da tutti i visitatori, tra cui la riverenza e la purificazione dall'acqua prima di entrare nel santuario stesso. Il culto del kami può anche essere fatto in piccoli santuari in case private (kamidana) o spazi sacri e naturali (mori).

Purificazione (Harai o Harae)

Le persone partecipano a una cerimonia di purificazione presieduta da un sacerdote shintoista prima di bagnare l'acqua fredda sui loro corpi per purificare i loro cuori nel Santuario di Kanda-Myojin l'11 gennaio 2003 a Tokyo, in Giappone. Koichi Kamoshida / Getty Images

La purificazione (harae o harai) è un rituale eseguito per liberare una persona o un oggetto di impurità (kegare). I rituali di purificazione possono assumere molte forme, tra cui la preghiera di un prete, la purificazione con acqua o sale o persino una purificazione di massa di un folto gruppo di persone. Una pulizia rituale può essere completata attraverso uno dei seguenti metodi:

Haraigushi e Ohnusa . Ohnusa è la convinzione di trasferire l'impurità da una persona a un oggetto e distruggere l'oggetto dopo il trasferimento. Quando entra in un santuario shintoista, un sacerdote (shinshoku) agiterà una bacchetta di purificazione (haraigushi) costituita da un bastone con strisce di carta, lino o corda attaccate ad esso sui visitatori per assorbire le impurità. L'haraigushi impuro verrà teoricamente distrutto in un secondo momento.

Misogi Harai . Come Izanagi, questo metodo di purificazione viene praticato tradizionalmente immergendosi completamente sotto una cascata, un fiume o un altro specchio d'acqua attivo. È comune trovare bacini all'ingresso dei santuari dove i visitatori si laveranno le mani e la bocca come una versione abbreviata di questa pratica.

Imi . Un atto di prevenzione piuttosto che di purificazione, Imi è l'imposizione di tabù in determinate circostanze per evitare l'impurità. Ad esempio, se un membro della famiglia fosse morto di recente, la famiglia non visiterebbe un santuario, poiché la morte è considerata impura. Allo stesso modo, quando qualcosa in natura viene danneggiato, vengono recitate preghiere e vengono eseguiti rituali per placare il kami del fenomeno.

Oharae . Alla fine di giugno e dicembre di ogni anno, oharae o la cerimonia della "grande purificazione" si svolgono nei santuari del Giappone con l'intento di purificare l'intera popolazione. In alcune circostanze, viene eseguito anche dopo catastrofi naturali.

Kagura (Ritual Dances)

Kagura è un tipo di danza usata per pacificare ed energizzare il kami, in particolare quelli di persone recentemente decedute. È anche direttamente correlato alla storia delle origini del Giappone, quando il kami ballava per l'Amaterasu, il kami del sole, per convincerla a nascondersi per ripristinare la luce nell'universo. Come molto altro in Shinto, i tipi di balli variano da comunità a comunità.

Preghiere e offerte

Shinto Ema. Soshiro / Getty Images

Le preghiere e le offerte al kami sono spesso complesse e svolgono un ruolo importante nel comunicare con il kami. Esistono diversi tipi di preghiere e offerte.

norito

Norito sono preghiere shintoiste, emesse sia da sacerdoti che da adoratori, che seguono una complicata struttura di prosa. Di solito contengono parole di elogio per il kami, oltre a richieste e un elenco di offerte. Norito viene anche detto come parte della purificazione dal sacerdote sui visitatori prima di entrare in un santuario.

Ema

Ema sono piccole placche di legno in cui gli adoratori possono scrivere preghiere per il kami. Le placche vengono acquistate nel santuario dove vengono lasciate per essere ricevute dal kami. Spesso presentano piccoli disegni o disegni e le preghiere spesso consistono in richieste di successo durante i periodi degli esami e negli affari, nella salute dei bambini e nei matrimoni felici.

ofuda

Ofuda è un amuleto ricevuto in un santuario shintoista con il nome di un kami e ha lo scopo di portare fortuna e sicurezza a coloro che lo appendono nelle loro case. Gli Omamori sono ofuda più piccoli e portatili che offrono sicurezza e protezione per una persona. Entrambi devono essere rinnovati ogni anno.

Omikuji

Gli Omikuji sono piccoli foglietti nei santuari shintoisti con scritte scritte su di loro. Un visitatore pagherà un piccolo importo per selezionare casualmente un omikuji. Srotolare il foglio rilascia la fortuna.

Cerimonie e Festival

Una giovane coppia tiene una cerimonia di matrimonio shintoista tradizionale giapponese cui hanno partecipato membri della famiglia nel Santuario di Itsukushima il 25 novembre 2014 nell'isola di Miyajima, Hatsukaichi, Prefettura di Hiroshima, Giappone. Il santuario shintoista è stato elencato come patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1996. . Yuriko Nakao / Getty Images

La partecipazione ai rituali shintoisti rafforza le relazioni interpersonali e le relazioni con il kami e può portare salute, sicurezza e fortuna a una persona o gruppo di persone. Sebbene non vi sia un servizio settimanale, ci sono vari riti di vita per i fedeli.

Hatsumiyamairi

Dopo che un bambino è nato, viene portato in un santuario da genitori e nonni per essere posto sotto la protezione del kami.

Shichigosan

Ogni anno, la domenica più vicina al 15 novembre, i genitori portano i figli di tre e cinque anni e le figlie di tre e sette anni nel santuario locale per ringraziare gli dei per un'infanzia sana e per chiedere un futuro fortunato e di successo.

Seijin Shiki

Ogni anno, il 15 gennaio, uomini e donne di 20 anni visitano un santuario per ringraziare il kami per aver raggiunto l'età adulta.

Matrimonio

Sebbene sempre più rari, le cerimonie nuziali si svolgono tradizionalmente in presenza di familiari e sacerdoti in un santuario shintoista. In genere frequentato dalla sposa, dallo sposo e dalle loro famiglie immediate, la cerimonia consiste nello scambio di voti e anelli, preghiere, bevande e un'offerta al kami.

morte

I funerali si svolgono raramente nei santuari shintoisti e, se lo fanno, devono solo placare il kami della persona deceduta. La morte è considerata impura, sebbene solo il corpo della persona deceduta sia impuro. L'anima è pura e libera dal corpo

fonti

  • El Religions: Shinto . BBC, British Broadcasting Corporation, 7 ottobre 2011. Bragg, Melvyn. H Shinto . Audio post sul blog. Nel nostro tempo. British Broadcasting Corporation, 22 settembre 2011.
  • Chart, David. Harae. Mimusubi, 8 ottobre 2013.
  • McVay, Kera. Tutto su shintoista . Delhi: University Publications, 2012. Print.
  • Toji, Kamata. Research Shinto Research and the Humanities in Japan. Zygon: Journal of Religion and Science 51.1 (2016): 43-62.
  • Virata, Ruth. Shinto. Post di blog audio. Serie di documentari su Arts of Japan. Museo d'Arte Asiatica. 2 luglio 2009.
Biografia di Ignazio di Antiochia: padre apostolico, martire cristiano

Biografia di Ignazio di Antiochia: padre apostolico, martire cristiano

Incenso della luna piena

Incenso della luna piena

Ricette per il Sabbat di Ostara

Ricette per il Sabbat di Ostara