https://religiousopinions.com
Slider Image

Biografia di Eusebio, padre della storia della Chiesa

Conosciuto come il padre della storia della Chiesa, Eusebio creò numerosi resoconti dei primi tre secoli del cristianesimo. Ha conservato una grande quantità di documentazione iniziale che altrimenti sarebbe andata persa. La ricerca esaustiva di Eusebio e la scrupolosa preoccupazione per l'identificazione delle fonti originali erano praticamente senza precedenti tra gli storici antichi. Senza il lavoro di Eusebio, la nostra conoscenza dei primi giorni del cristianesimo sarebbe estremamente limitata, compresa quella della persecuzione della chiesa e del regno di Costantino.

Fatti veloci: Eusebio di Cesarea

  • Conosciuto anche come : Eusebius Pamphili
  • Noto per : storico abile e vescovo di Cesarea, Eusebio creò, catalogò e conservò resoconti storici e documentazione dei primi tre secoli del cristianesimo.
  • Nato : la data esatta della sua nascita è sconosciuta; molto probabilmente in Palestina intorno al 260 d.C.
  • Deceduto : 339 o 340 d.C.
  • Opere pubblicate : Historia Ecclesiastica (Storia della Chiesa), Cronaca, Vita di Costantino, Preparazione del Vangelo
  • Citazione degna di nota : `` Mi sento inadeguato a rendere giustizia [storia della chiesa] come il primo ad avventurarsi in una simile impresa, un viaggiatore su un percorso solitario e non calpestato. Ma prego affinché Dio mi guidi e il potere del Signore mi assista, perché non ho trovato neppure le impronte di alcun predecessore su questo cammino, solo tracce in cui alcuni hanno lasciato vari resoconti dei tempi in cui vivevano.

Primi anni di vita

A differenza delle antiche storie che ha conservato così bene, la storia della vita di Eusebio è andata perduta. I suoi genitori sono del tutto sconosciuti e poco è documentato della sua giovinezza. Eusebio nacque quasi certamente in Palestina intorno al 260 d.C. e vi trascorse gran parte della sua vita.

Da giovane, Eusebio assistette e studiò sotto il noto insegnante cristiano Pamphilius, vescovo di Cesarea, che in seguito divenne amico più vicino di Eusebio. Eusebio fu battezzato a Cesarea e servì come presbitero, o anziano, sotto Pamphilius.

Eusebio conobbe anche il presbitero Dorotheus ad Antiochia e probabilmente ricevette anche istruzioni precoci da lui. Ma Eusebio seguì Pamphilius molto più da vicino. (Era così grande il suo affetto per il suo mentore che, dopo che Pamphilius fu martirizzato, Eusebius assunse il nome Eusebius Pamphili, che significa `` figlio di Pamphilius. )

Vescovo di Cesarea, Pamphilius fu il principale studioso biblico e insegnante della sua generazione e devoto discepolo del brillante teologo Origene. Prima della morte di Origene, conferì la sua biblioteca personale alla comunità cristiana di Cesarea. Pamphilius trasformò quella biblioteca a Cesarea in una delle più grandi collezioni cristiane del mondo antico. Con l'influenza della principale borsa di studio del cristianesimo, Cesarea divenne l'epicentro dell'apprendimento cristiano e un obiettivo primario della persecuzione romana.

La grande persecuzione

Nel 303 d.C., l'imperatore romano Diocleziano iniziò una feroce persecuzione dei cristiani nell'impero romano. Eusebio scrisse come testimone oculare della terribile oppressione:

`` Abbiamo visto con i nostri occhi le case di preghiera gettate fino alle fondamenta stesse e le Sacre e sacre Scritture impegnate nelle fiamme nei mercati, e i pastori delle chiese praticamente nascosti qua e là, e alcuni di loro catturati ignominiosamente e derisi dai loro nemici

Verso la fine di quella che fu chiamata la Grande Persecuzione, Pamphilius fu gettato in prigione e infine martirizzato nel 310 d.C. Durante questo periodo, Eusebio si recò in Egitto, dove anche lui fu imprigionato per un breve periodo ma riuscì a sfuggire al suo mentore Il destino.

Eusebio, vescovo di Cesarea

Poco dopo la fine della Grande Persecuzione, all'epoca della conversione di Costantino e dell'Editto di Milano, Eusebio fu eletto Vescovo di Cesarea (intorno al 315 d.C.), dove rimase per molti anni fino alla sua morte. Eusebio continuò il suo lavoro di registrazione della storia della chiesa, che aveva iniziato durante il periodo di persecuzione.

Sebbene non annoverato tra i teologi più dotati della storia, Eusebio fu probabilmente lo storico ecclesiale più istruito e capace della sua generazione. Con certezza, attingeva alle abbondanti risorse della biblioteca della chiesa di Cesarea.

Scrivere la storia della Chiesa

Il maggior contributo di Eusebio è la Historia Ecclesiastica (Storia della Chiesa), una vasta storia della Chiesa cristiana dal tempo degli apostoli fino al 323 d.C. circa, poco prima del Concilio di Nicea. L'opera è stata originariamente scritta in greco, sebbene siano state conservate anche versioni latine, armene e siriache. Un'altra delle sue opere storiche, Cronaca, contiene una vasta storia relativa agli antichi domini del mondo dal tempo di Abramo a Costantino.

Oltre alla storia della chiesa, Eusebio più di 40 opere scritte coprono gli argomenti di teologia, esegesi, apologetica, critica evangelica, geografia biblica, cronologia e martirologio. Il tema preferito di Eusebio si concentrava sulle storie dei primi martiri cristiani come visto nei martiri palestinesi, che riguardavano la persecuzione dei cristiani del IV secolo in Oriente.

Durante il periodo in cui Pamphilius fu imprigionato, Eusebio lo visitò spesso e insieme scrissero cinque volumi di Una difesa di Origene .

Probabilmente la seconda opera più famosa, o forse famigerata, di Eusebio fu la sua Vita di Costantino, una biografia adorabile del leader politico. Sebbene Eusebio sia stato fortemente criticato nel corso dei secoli per il suo sostegno a Costantino, la posizione dello storico ha ragionevolmente senso. Dopo aver assistito e sopravvissuto a terribili persecuzioni, Eusebio pensò ingenuamente che la conversione di Costantino al cristianesimo avrebbe rafforzato la chiesa e posto fine al terrore. Eusebio guadagnò la fiducia di Costantino e quindi divenne cronista della sua storia familiare.

Mentre le sue opere più belle erano storiche nel genere, Eusebio eccelleva anche come apologeta. I suoi scritti hanno spesso affrontato problemi nel testo biblico e conteso per la verità del cristianesimo. In Preparazione del Vangelo, una delle principali opere apologetiche di Eusebio, citò le parole degli autori greci per confutare il paganesimo. In Proof of the Vospel, ha esaminato come Cristo come Messia ha adempiuto alla profezia dell'Antico Testamento e come il cristianesimo ha continuato la fede dei primi patriarchi ebrei.

Controversie dei suoi giorni

L'eredità di Eusebio alla chiesa si estendeva oltre la tenuta dei registri storici. Ha giocato un ruolo importante nelle controversie teologiche e nelle politiche ecclesiastiche dei suoi tempi. Quale principale consigliere spirituale di Costantino, Eusebio aiutò a formare la comprensione ortodossa della relazione tra chiesa e stato, un legame strettamente intrecciato che divenne il concetto costantiniano di un impero cristiano.

Eusebio fu influente nel raggiungere un compromesso nel Concilio di Nicea nel 325 d.C., mediando il dibattito tra gli Ariani e la posizione ortodossa riguardo alla natura di Cristo. In questo primo dibattito cristologico, gli Ariani percepivano Gesù Cristo come simile a Dio Padre, ma non della stessa sostanza di Dio Padre. I dirigenti della Chiesa si opposero all'arianesimo perché negava la piena divinità di Gesù Cristo. Prima del Concilio di Nicea, la chiesa aveva temporaneamente scomunicato Eusebio a causa del suo sostegno alla cristologia ariana. Ma al Concilio di Nicea Eusebio prese una posizione di mezzo nella controversia ariana e affermò il credo del concilio.

Eusebio rimase attivo nei consigli della chiesa fino alla sua morte. Nel 335 d.C., Eusebio prese parte al sinodo di Tiro, durante il quale Atanasio, vescovo di Alessandria, fu scomunicato per una serie di false accuse legate alla controversia ariana e alla sua difesa del trinitarismo. Costantino in seguito lasciò cadere molte delle accuse, ma Atanasio non fu mai completamente assolto. Eusebio partecipò anche ai consigli che deposero Marcello d'Ancira nel 336 d.C. e Eustazio di Antiochia nel 337 d.C.

Eusebio rifiutò una promozione per diventare vescovo di Antiochia e rimase a Cesarea fino alla sua morte alla fine del 339 d.C. o all'inizio del 340.

fonti

  • Eusebio di Cesarea . Chi è Chi nella storia cristiana (pp. 239 240).
  • Eusebio di Cesarea. Cristiani che tutti dovrebbero conoscere (p. 335).
  • Eusebio di Cesarea. Il dizionario biblico Lexham .
Mabon Cooking & Recipes

Mabon Cooking & Recipes

Microevoluzione con macroevoluzione

Microevoluzione con macroevoluzione

Religioni del Brunei

Religioni del Brunei