https://religiousopinions.com
Slider Image

Biografia di Haile Selassie: Imperatore etiope e Messia di Rastafari

Haile Selassie era un reggente e imperatore etiope che ha dovuto affrontare decenni di tumulti come leader, incluso l'esilio e la prigione. Alla fine, divenne noto come profeta e messia del movimento religioso Rastafari, e oggi è visto come un essere divino dai Rastafariani.

Fatti veloci: Haile Selassie

  • Nome completo : Lij Tafari Makonnen, prese il nome di Haile Selassie I quando incoronato imperatore
  • Nato : 23 luglio 1892, nell'Ejersa Goro, in Etiopia
  • Deceduto: 27 agosto 1975, nel Palazzo del Giubileo, in Etiopia
  • Genitori: Makonnen Wolde-Mikael Gudessa e Yeshimebet Mikael
  • Coniuge: Menen Asfaw. Un coniuge precedente, Woizero Altayech, è presunto ma non confermato.
  • Bambini: Tenagnework, Asfaw Wossen, Zenebework, Tsehai, Makonnen e Sahle Selassie (con Asfaw). Si ritiene che la principessa Romanework sia la figlia della sua precedente unione.
  • Conosciuto per: Ethiopian Regent 1916-1930; Imperatore 1930-1974; Messia della religione Rastafari

Nei primi anni

Haile Selassie nacque Lij Tafari Makonnen, il 23 luglio 1892, da Makonnen Wolde-Mikael Gudessa e Yeshimebet Mikael. Makonnen era un generale dell'esercito di Ethiopan e governatore della provincia di Harar, nonché cugino dell'imperatore etiope Menelik II. Nelle tradizioni dinastiche etiopi, tutti i sovrani risalgono a Menelik I, che era un figlio del re Salomone e Makeda, la regina di Saba. Tafari, come era noto nei suoi primi anni, fu educato a casa dai missionari francesi ed era a tutti gli effetti uno studente eccellente con forti capacità di pensiero critico. Quando aveva tredici anni, Tafari ricevette il titolo di Dejazmach, che è l'equivalente del conte.

Un anno dopo, nel 1906, il padre di Tafari morì e assunse il governo governativo delle province di Sindamo e Selale. Sebbene fosse ancora un adolescente, le dimensioni ridotte di queste regioni significavano che aveva ancora il tempo di continuare la sua istruzione mentre agiva come governatore. Nel 1910 fu nominato governatore di Harar, in seguito alla morte dell'Imperatore Menelik II. Presumibilmente, durante questo periodo di tempo, era sposato con una donna di nome Woizero Altayech; gli studiosi ritengono che Altayech potrebbe essere stato un soprannome. Sebbene i dettagli della loro unione siano scarsi, è noto che in quel momento divenne il padre di una figlia, la principessa Romanework. Nel 1911, Tafari sposò Menen Asfaw, con il quale alla fine ebbe sei figli. Menen era la nipote di Lij Iyasu, che era l'erede non cresciuto al trono etiope.

Ascensione alla reggenza

Haile Selassie and Family, intorno al 1935. Fototeca Gilardi / Getty Images

Nel 1916, Iyasu fu deposto e fuggì dall'Etiopia. Sebbene ci sia qualche dubbio su quanto Tafari fosse coinvolto nel colpo di stato, a seguito di questi eventi, la zia Iewas Zewditu, che era la figlia di Menelik II, salì al trono. Tafari fu elevato al rango di Ras (equivalente a Duca) e divenne un principe ereditario. Inoltre, Zewditu lo nominò suo erede e reggente e promise che sarebbe stata una sovrana giusta con il suo consiglio.

Ras Tafari mantenne i compiti amministrativi quotidiani per il paese e lavorò per modernizzare l'Etiopia, proprio come aveva fatto Menelik II. Nel 1923, promise di porre fine alla schiavitù, garantendo così l'ammissione dell'Etiopia alla Società delle Nazioni (da notare, la schiavitù continuò nel paese durante gli anni '30).

Durante i prossimi anni, Tafari fece un lungo tour in Medio Oriente ed Europa, lavorando su missioni diplomatiche. Sebbene avesse riconosciuto la necessità di alleati europei, era diffidente nel lavorare troppo a stretto contatto con loro e ha sottolineato che l'Etiopia aveva bisogno di indipendenza economica. Durante tutto questo periodo, rafforzò il suo controllo su molte province etiopiche, e le cose andarono a segno nel 1928, quando la sua autorità fu sfidata da Balcha Safo, il governatore della provincia di Sidamo. L'imperatrice Zewditu si schierò dalla parte di Safo e accusò Tafari di tradimento, in parte a causa di un trattato di pace che aveva firmato con il governo italiano. A seguito di un colpo di stato al palazzo dell'Imperatrice, cedette e dichiarò re Tafari.

Sulla carta, Tafari e Zewditu governarono insieme, cosa che non era mai accaduta in Etiopia prima. Nel 1930, Ras Gugsa Welle, che era il marito di Zewditu, guidò un'insurrezione contro Tafari. Fu ucciso e, poco dopo, l'imperatrice stessa morì; si diceva che fosse stata avvelenata, ma gli studiosi moderni ritengono che sia effettivamente morta per complicazioni del diabete.

Senza Zewditu, Tafari fu incoronato re dei re d'Etiopia e prese il nome di Haile Selassie I. Nel 1931, introdusse la prima costituzione del paese, chiedendo una legislatura bicamerale. Alcuni hanno visto questo come il primo di molti passi sulla strada della democrazia. Tre anni dopo, le forze italiane invasero l'Etiopia su ordine di Benito Mussolini e Selassie mobilitò un esercito. L'esercito etiope subì pesanti perdite nel periodo di diversi mesi di battaglia e le truppe dell'imperatore si ritirarono dal fronte nel 1936. Lui e la sua famiglia decisero di decampare la capitale ad Addis Abeba e si diressero verso il Somaliland francese. Nel frattempo, Mussolini dichiarò che l'Etiopia era ora una provincia italiana.

Dal 1936 al 1941, Selassie e la sua famiglia rimasero a Bath, in Inghilterra, e occupò gran parte del suo tempo a scrivere le sue memorie e la sua storia di vita. Inoltre, ha lavorato instancabilmente contro la propaganda italiana ed era vocale contro la violenza perpetrata contro gli etiopi dalle forze di Mussolini. Ha tentato di ottenere il sostegno internazionale per il suo paese e ha chiesto l'intervento della Società delle Nazioni. Nel 1942, tornò in Etiopia per riprendere il suo paese dall'occupazione italiana.

Nel corso dei successivi due decenni, ha tentato di riformare la struttura governativa del paese introducendo una tassazione sulle proprietà della chiesa, abolendo la schiavitù e tentando di ridurre i conflitti tra i vari gruppi etnici dell'Etiopia. Sfortunatamente, i diritti civili subirono sotto il regno di Selassie e negli anni '60 e '70 vi furono innumerevoli atrocità commesse su civili dall'esercito etiope. Inoltre, una carestia di massa ha avuto un forte impatto sulla popolazione di diverse province.

Prigione e morte

Nel 1974, una giunta militare chiamata Derg organizzò un colpo di stato contro Selassie, che ormai aveva circa ottant'anni. Fu posto agli arresti domiciliari ad Addis Abeba, mentre i membri superstiti della sua famiglia furono imprigionati nella provincia di Harar. Dozzine dei suoi ex funzionari governativi furono giustiziati da una squadra di fuoco e nel 1975 Selassie morì. Sebbene la storia ufficiale fosse quella di aver ceduto all'insufficienza respiratoria, negli anni '90 un tribunale etiope annunciò che era stato "strangolato nel suo letto più crudelmente" dagli autori del colpo di stato.

Il Derg, che era sostenuto da fondi sovietici, fu rovesciato nel 1991 e un anno dopo, le ossa di Selassie furono trovate sotto una lastra nel palazzo imperiale. Gli fu dato un funerale di stato completo nel 2000, circa 25 anni dopo la sua morte.

Il movimento Rastafari

Una rappresentazione dell'ex imperatore etiope Haile Selassie è esposta nel Centro Tabernacolo di Nyabinghi il 26 gennaio 2017 in Shashamene Ethopia. I rastafariani di paesi come Regno Unito, Francia e Giamaica continuano a vivere a Shashamane dopo che l'ex sovrano dell'Etiopia, l'imperatore Haile Selassie, ha donato 500 acri di terra per consentire ai membri del movimento Rastafari e ai coloni della Giamaica e di altre parti dei Caraibi di recarsi in Africa. Carl Court / Getty Images

Durante gli anni '30, l'attivista giamaicano Marcus Garvey seguì con interesse l'incoronazione e l'ascesa di Haile Selassie. Garvey disse notoriamente: "Guarda in Africa quando un re nero sarà incoronato, poiché il giorno della liberazione è vicino". Molti seguaci di Garvey in Giamaica credevano che Selassie, originariamente chiamato Ras Tafari, fosse il re nero della profezia. Se Ras Tafari era il re, allora era logico che la liberazione sarebbe arrivata presto.

Nei decenni successivi, un movimento in Giamaica crebbe, onorando Selassie come il divino messaggero di Dio. Quando visitò il paese nel 1966, fu accolto come un santo redentore. I giamaicani di origine africana avevano trascorso secoli come schiavi, presi dalle loro terre d'origine in Africa. Hanno visto Selassie, l'uomo che si è opposto all'esercito bianco italiano e ha ripreso la sua patria, come una figura messianica, che avrebbe portato i neri in un'età d'oro di pace eterna, prosperità e giustizia.

Come discendente del re Salomone e della regina di Saba, Selassie fu indicato come il leone conquistatore della tribù di Giuda. I rastafariani credevano che Jah - il nome Rasta per Dio - avesse semplicemente abitato il corpo di Haile Selassie, e che quando morì, era "un segno che Jah non era solo un essere umano ma anche uno spirito".

I rastafariani di oggi credono che saranno rimpatriati in Etiopia per vivere in libertà, guidati da Haile Selassie.

fonti

  • Dimbleby, Jonathan. EedFeeding on Ethiopia's Famine. The Independent, Independent Digital News and Media, 23 ottobre 2011, www.independent.co.uk/arts-entertainment/feeding-on-ethiopias-famine-1189980.html .
  • La profezia di Marcus Garvey. Pubblicato l'8 novembre 1930 in "The Blackman: Jamaicans.com, 17 luglio 2015, jamaicans.com/MarcusGarveyProhecy/.
  • Thomson, Ian. `` King of Kings: The Triumph and Tragedy of the Emperor Haile Selassie I of Ethiopia by Asfa-Wossen Asserate Review. The Guardian, Guardian News and Media, 24 dic 2015, www.theguardian. com / libri / 2015 / DEC / 24 / re-del-re-Haile-Selassie-Etiopia-ASFA-Wossen-Asserate-review.
  • Whitman, Alden. Hila Selassie of Ethiopia muore all'83. Il New York Times, The New York Times, 28 agosto 1975, www.nytimes.com/1975/08/28/archives/haile-selassie-of -ethiopia-muore-a-83-deposto-imperatore-governato-ancient.html.
Engimono: definizione, origini, significato

Engimono: definizione, origini, significato

I 6 migliori libri introduttivi sull'Islam

I 6 migliori libri introduttivi sull'Islam

Crea un altare alimentare per Mabon

Crea un altare alimentare per Mabon