https://religiousopinions.com
Slider Image

Dee della natura chiave provenienti da tutto il mondo

In molte religioni antiche, le divinità sono associate alle forze della natura. Molte culture associano le dee a fenomeni naturali come la fertilità, il raccolto, i fiumi, le montagne, gli animali e la terra stessa.

Di seguito sono riportate alcune delle dee della natura chiave delle culture di tutto il mondo. L'elenco non intende includere tutte queste divinità, ma rappresenta una serie di dee della natura, incluse alcune meno conosciute.

Dea della Terra

Cibele come dea della terra, III secolo a.C.

Michel Porro / Getty Images

A Roma, la dea della terra era Terra Mater o Madre Terra. Tellus era o un altro nome per Terra Mater o una dea così assimilata da lei che sono per tutti gli effetti uguali. Tellus era una delle dodici divinità agricole romane e la sua abbondanza è rappresentata dalla cornucopia.

I romani hanno anche aggredito Cibele, una dea della terra e della fertilità, che hanno identificato con Magna, la Grande Madre.

Per i Greci, Gaia era la personificazione della Terra. Non era una divinità olimpica ma una delle divinità primordiali. Era ... la consorte di Urano, il cielo. Tra i suoi figli c'era Chronus, il tempo, che rovesciò suo padre con l'aiuto di Gaia. Altri suoi figli, questi di suo figlio, erano divinità del mare.

Maria Lionza è una dea venezuelana di natura, amore e pace. Le sue origini sono nella cultura cristiana, africana e indigena.

Fertilità

Rugiada Sri, dea indonesiana della fertilità, raffigurata in un campo di riso.

Ted Soqui / Getty Images

Giunone è la dea romana più associata al matrimonio e alla fertilità. In effetti, i romani avevano dozzine di divinità minori associate ad aspetti di fertilità e parto, come Mena che governava il flusso mestruale. Juno Lucina, che significa luce, governava il parto, allevando i bambini "nella luce". A Roma, anche Bona Dea (letteralmente Buona Dea) era una dea della fertilità, che rappresentava anche la castità.

Asase Ya è la dea terrestre del popolo Ashanti, che governa la fertilità. È la moglie della divinità del creatore del cielo Nyame e madre di diverse divinità tra cui il truffatore Anansi.

Afrodite è la dea greca che governa l'amore, la procreazione e il piacere. È associata alla dea romana Venere. La nutrizione e alcuni uccelli sono collegati alla sua adorazione.

Parvati è la dea madre degli indù. È la consorte di Shiva e considerata una dea della fertilità, sostenitrice della terra o dea della maternità. A volte veniva rappresentata come una cacciatrice. Il culto di Shakti adora Shiva come potere femminile.

Cerere era la dea romana dell'agricoltura e della fertilità. Era associata alla dea greca Demetra, una dea dell'agricoltura.

Venere era la dea romana, madre di tutti i romani, che rappresentava non solo fertilità e amore, ma anche prosperità e vittoria. È nata dalla schiuma del mare.

Inanna era la dea sumera della guerra e della fertilità. Era la divinità femminile più riconosciuta della sua cultura. Eneduanna, figlia del re mesopotamico Sargon, era una sacerdotessa nominata da suo padre e scrisse inni a Inanna.

Ishtar era la dea dell'amore, della fertilità e del sesso in Mesopotamia. Era anche la dea della guerra, della politica e dei combattimenti. Era rappresentata dal leone e da una stella a otto punte. Potrebbe essere stata collegata a una dea precedente di Sumer, Inanna, ma le loro storie e caratteristiche non erano identiche.

Anjea è la dea aborigena australiana della fertilità, nonché protettrice delle anime umane tra le incarnazioni.

Freyja era la dea norrena della fertilità, dell'amore, del sesso e della bellezza; era anche la dea della guerra, della morte e dell'oro. Riceve la metà di coloro che muoiono in battaglia, quelli che non vanno a Valhalla, la sala di Odino.

Gefjon era la dea norrena dell'aratura e quindi di un aspetto della fertilità.

Ninhursag, una dea della montagna di Sumer, era una delle sette divinità principali ed era una dea della fertilità.

Lajja Gauri è una dea Shakti originaria della valle dell'Indo collegata alla fertilità e all'abbondanza. A volte è vista come una forma della dea madre indù Devi .

Fecundias, che significa letteralmente "fecondità", era un'altra dea romana della fertilità.

Feronia era un'altra divinità romana di fertilità, associata ad animali selvatici e abbondanza.

Sarakka era la dea Sami della fertilità, associata anche alla gravidanza e al parto.

Ala è una divinità della fertilità, della moralità e della terra, venerata dalle persone Igbo della Nigeria.

Onuava, di cui si sa poco altro oltre alle iscrizioni, era una divinità della fertilità celtica.

Rosmerta era anche una dea della fertilità associata all'abbondanza. Si trova nella cultura gallico-romana. Le piacciono alcune altre dee della fertilità spesso raffigurate con una cornucopia.

Nerthus è descritto dallo storico romano Tacito come una dea pagana tedesca legata alla fertilità.

Anahita era una dea della fertilità persiana o iraniana, associata alle Acque, alla guarigione e alla saggezza.

Hathor, la dea mucca egiziana, è spesso associata alla fertilità.

Taweret era la dea egiziana della fertilità, rappresentata come una combinazione di ippopotamo e felino che camminava su due piedi. Era anche una dea dell'acqua e una dea del parto.

Guan Yin era una divinità taoista associata alla fertilità. Il suo assistente Songzi Niangniang era un'altra divinità della fertilità.

Kapo è una dea della fertilità hawaiana, sorella della dea vulcanica Pele .

Dew Sri è una dea indù indonesiana, che rappresenta il riso e la fertilità.

Montagne, foreste, caccia

Artemide, del V secolo a.C., incastonò i cani su Atteone.

DeAgostini / Getty Images

Cibele è la dea madre anatolica, l'unica dea conosciuta per rappresentare Phyrgia. In Frigia, era conosciuta come la Madre degli dei o Madre di montagna. Era associata a pietre, ferro meteorico e montagne. Potrebbe essere derivata da un tipo trovato in Anatolia nel sesto millennio a.C.; fu assimilata nella cultura greca come una dea misteriosa con alcune sovrapposizioni con le caratteristiche di Gaia (dea della terra), Rhea (una dea madre), e Demetra (dea dell'agricoltura e del raccolto). A Roma, era una dea madre e in seguito fu trasformata in un'antenata dei romani come una principessa troiana. Nel periodo romano, il suo culto era talvolta associato all'isis.

Diana era la dea romana della natura, la caccia e la luna, associate alla dea greca Artemide. Era anche una dea del parto e dei boschi di querce. Il suo nome deriva in ultima analisi da una parola per la luce del giorno o il cielo diurno, quindi ha anche una storia come dea del cielo.

Artemide fu una dea greca in seguito associata alla Diana romana, sebbene avessero origini indipendenti. Era una dea della caccia, delle terre selvagge, degli animali selvatici e del parto.

Artume era una dea cacciatrice e dea degli animali. Faceva parte della cultura etrusca.

Adgilis Deda era una dea georgiana associata alle montagne e, più tardi, con l'arrivo del cristianesimo, associato alla Vergine Maria.

Maria Cacao è una dea filippina delle montagne.

Mielikki è la dea delle foreste e della caccia e creatrice dell'orso, nella cultura finlandese.

Aja, uno spirito o Orisha nella cultura yoruba, era associato con la foresta, gli animali e la guarigione delle erbe.

Arduinna, proveniente dalle regioni celtica / gallica del mondo romano, era una dea della foresta delle Ardenne. A volte le veniva mostrato di cavalcare un cinghiale. Fu assimilata alla dea Diana.

Medeina è la dea lituana che governa foreste, animali e alberi.

Abnoba era una dea celtica della foresta e dei fiumi, identificata in Germania con Diana.

Liluri era l'antica dea siriana delle montagne, consorte del dio del tempo.

Cielo, stelle, spazio

Dea Nut come i cieli, nella cosmologia egizia. Copia di papiro basata sul tempio tardo egizio di Denderah.

Universal History Archive / Getty Images

Aditi, una dea vedica, era associata alla sostanza universale primordiale e considerata sia una dea della saggezza che una dea dello spazio, della parola e dei cieli, incluso lo zodiaco.

Tzitzimitl è una delle divinità azteche femminili associate alle stelle e ha un ruolo speciale nella protezione delle donne.

Nut era l'antica dea egizia dei cieli (e Geb era suo fratello, la terra).

Mare, fiumi, oceani, pioggia, tempeste

Rilievo ugaritico su avorio della dea madre Asherah, XIV secolo a.C.

De Agostini / G. Dagli Orti / Getty Images

Asherah, una dea ugaritica menzionata nelle scritture ebraiche, è una dea che cammina sul mare. Si schiera dalla parte del dio del mare Yam contro Baal. Nei testi extra-biblici, è associata a Yahweh, anche se nei testi ebraici Yahweh denuncia la sua adorazione. È anche associata ad alberi nelle scritture ebraiche. Anche associato alla dea Astarte.

Danu era un'antica dea del fiume indù che condivide il suo nome con una dea madre celtica irlandese.

Mut è l'antica dea madre egiziana, associata alle acque primordiali.

Yemoja è una dea dell'acqua yoruba legata in particolare alle donne. È anche connessa con cure di infertilità, con la luna, con saggezza e con la cura di donne e bambini.

Oya, che diventa Iyansa in America Latina, è una dea yoruba di morte, rinascita, fulmini e tempeste.

Tefnut era una dea egizia, sorella e moglie del dio dell'Aria, Shu. Era la dea dell'umidità, della pioggia e della rugiada.

Anfitrite è una dea greca del mare, anche la dea del fuso.

Vegetazione, Animali e Stagioni

Rappresentazione romana della dea celtica Epona.

CM Dixon / Print Collector / Getty Images

Demetra era la principale dea greca del raccolto e dell'agricoltura. La storia del lutto di sua figlia Persefone per sei mesi dell'anno è stata usata come una mitica spiegazione dell'esistenza di una stagione non crescente. Era anche una dea madre.

Le Horae ("ore") erano le dee greche delle stagioni. Iniziarono come dee di altre forze della natura, tra cui la fertilità e il cielo notturno. La danza delle Horae era connessa con la primavera e i fiori.

Antheia era la divinità greca, una delle Grazie, associata a fiori e vegetazione, nonché a primavera e amore.

Flora era una dea romana minore, una delle tante associate alla fertilità, in particolare ai fiori e alla primavera. La sua origine era Sabine.

Epona della cultura gallico-romana, cavalli protetti e loro parenti stretti, asini e muli. Potrebbe anche essere stata collegata all'aldilà.

Ninsar era la dea sumera delle piante ed era anche conosciuta come Lady Earth.

Maliya, una dea ittita, era associata a giardini, fiumi e montagne.

Kupala era una dea russa e slava del raccolto e del solstizio d'estate, connessa con la sessualità e la fertilità. Il nome è conosciuto con Cupido .

Cailleach ... era una dea celtica dell'inverno.

Biografia di Ignazio di Antiochia: padre apostolico, martire cristiano

Biografia di Ignazio di Antiochia: padre apostolico, martire cristiano

Incenso della luna piena

Incenso della luna piena

Ricette per il Sabbat di Ostara

Ricette per il Sabbat di Ostara