https://religiousopinions.com
Slider Image

Che cos'è un santuario shintoista?

I santuari shintoisti sono strutture costruite per ospitare il kami, l'essenza dello spirito presente nei fenomeni naturali, negli oggetti e negli esseri umani che è adorato dai praticanti shintoisti. La riverenza verso il kami è mantenuta dalla pratica regolare di riti e rituali, purificazione, preghiere, offerte e balli, molti dei quali si svolgono nei santuari.

Key Takeaways: Santuari shintoisti

  • I santuari shintoisti sono strutture costruite per ospitare il kami e creare un legame tra il kami e gli esseri umani.
  • I santuari sono luoghi di culto sacri in cui i visitatori possono offrire preghiere, offerte e balli al kami.
  • Il design dei santuari shintoisti varia, ma possono essere identificati dal loro cancello d'ingresso e da un santuario che ospita il kami.
  • Tutti i visitatori sono invitati a visitare i santuari shintoisti, a partecipare al culto e a lasciare preghiere e offerte per il kami.

La caratteristica più importante di un dato santuario è lo shintai o "corpo del kami", un oggetto in cui si dice che il kami risieda. Lo shintai può essere fatto dall'uomo, come gioielli o spade, ma può anche essere naturale, come le cascate e montagne

I fedeli visitano i santuari shintoisti non per lodare lo shintai, ma per adorare il kami. Lo shintai e il santuario creano un legame tra il kami e gli esseri umani, rendendo il kami più accessibile alle persone. Ci sono più di 80.000 santuari in Giappone e quasi ogni comunità ha almeno un santuario.

Progettazione di santuari shintoisti

Akira Kaede / Getty Images

Sebbene esistano resti archeologici che suggeriscono luoghi di culto temporanei, i santuari shintoisti non sono diventati dispositivi permanenti fino a quando i cinesi non hanno portato il buddismo in Giappone. Per questo motivo, i santuari shintoisti spesso presentano elementi di design simili ai templi buddisti. Il design dei singoli santuari può variare, ma nella maggior parte dei santuari sono presenti alcuni elementi importanti.

I visitatori entrano nel santuario attraverso il torii, o il cancello principale, e percorrono il sando, che è il percorso che conduce dall'ingresso al santuario stesso. I motivi possono avere più edifici o un edificio con molte stanze. Di solito, c'è un santuario honden dove il kami è custodito nella shintai, un luogo di culto haiden e un luogo di offerte heiden . Se il kami è racchiuso in un elemento naturale, come ad esempio una montagna, il honden potrebbe essere completamente assente.

torii

I torii sono porte che fungono da ingresso al santuario. La presenza di torii è di solito il modo più semplice per identificare un santuario. Composto da due travi verticali e due travi orizzontali, il torii non è un cancello quanto un indicatore di spazio sacro. Lo scopo del torii è di separare il mondo secolare dal mondo dei kami.

Sando

Sando è il sentiero subito dopo il torii che conduce gli adoratori alle strutture del santuario. Questo è un elemento tratto dal buddismo, come spesso si vede anche nei templi buddisti. Spesso, le tradizionali lanterne di pietra chiamate toro tracciano il percorso, illuminando la strada per il kami.

Temizuya o Chozuya

Per visitare un santuario, i fedeli devono prima praticare rituali di purificazione, compresa la pulizia con acqua. Ogni santuario ha un temizuya o chozuya, un bacino d'acqua con mestoli per consentire ai visitatori di lavarsi le mani, la bocca e il viso prima di entrare nelle strutture del santuario.

Haiden, Honden e Heiden

Questi tre elementi di un santuario possono essere strutture completamente diverse o possono essere stanze diverse in una struttura. Il honden è il luogo in cui è custodito il kami, il heiden è il luogo di offerta usato per preghiere e donazioni, e il haiden è il luogo di culto, dove possono esserci posti per i fedeli. Il honden si trova di solito dietro la haiden, ed è spesso circondato da un tamagaki, o un piccolo cancello, per indicare lo spazio sacro. La haiden è l'unica area continuamente aperta al pubblico, poiché la heiden è aperta solo per cerimonie e l'honden è accessibile solo ai sacerdoti.

Kagura-den o Maidono

La Kagura-den o il maidono, è una struttura o una stanza all'interno di un santuario in cui la danza sacra, nota come kagura, viene offerta al kami come parte di una cerimonia o di un rituale.

Shamusho

Lo shamusho è l'ufficio amministrativo del santuario, dove i sacerdoti possono riposare quando non partecipano al culto. Inoltre, lo shamusho è il luogo in cui i visitatori possono acquistare (anche se il termine preferito è ricevere, poiché gli oggetti sono sacri piuttosto che commerciali) ofunda e omukuji, che sono amuleti inscritti con il nome del kami del santuario destinato a proteggere il suo custodi. I visitatori possono anche ricevere ema: piccole targhe di legno su cui gli adoratori scrivono preghiere per il kami e le lasciano nel santuario per ricevere il kami.

Komainu

Komainu, noto anche come i cani leone, sono una coppia di statue di fronte alla struttura del santuario. Il loro scopo è di allontanare gli spiriti maligni e proteggere il santuario.

Visitando un santuario shintoista

Primo piano delle mani di una donna durante il lavaggio simbolico e la purificazione in un Temizuya, parte di un santuario shintoista in Giappone. georgeclerk / Getty Images

I santuari shintoisti sono aperti al pubblico sia per gli adoratori che per i visitatori. Tuttavia, gli individui che sono malati, feriti o in lutto non dovrebbero visitare un santuario, poiché si ritiene che queste qualità siano impure e quindi separate dal kami.

I seguenti rituali dovrebbero essere osservati da tutti i visitatori di un santuario shintoista.

  1. Prima di entrare nel santuario attraverso il torii, inchinati una volta.
  2. Segui il sando nel bacino d'acqua. Usa il mestolo per lavare prima la mano sinistra, seguita dalla destra e dalla bocca. Sollevare verticalmente il merlo acquaiolo per consentire all'acqua sporca di cadere dall'impugnatura, quindi riposizionare il merlo acquaiolo sul bacino quando lo si è trovato.
  3. Mentre ti avvicini al santuario, potresti vedere una campana, che puoi suonare per espellere gli spiriti maligni. Se c'è una scatola per le donazioni, inchinati prima di lasciare una modesta donazione. Tieni presente che le monete da 10 e 500 yen sono considerate sfortunate.
  4. Davanti al santuario, ci sarà probabilmente una sequenza di archi e battimani (in genere, due di ciascuno), seguita da una preghiera. Una volta terminata la preghiera, avvicina le mani di fronte al tuo cuore e inchinati profondamente,
  5. Al termine delle preghiere, puoi ricevere un amuleto per fortuna o protezione, appendere un ema o osservare altre parti del santuario. Tuttavia, tieni presente che alcuni spazi non sono accessibili ai visitatori.

Come con qualsiasi spazio santo, religioso o altrimenti sacro, sii rispettoso del sito e attento alle credenze degli altri. Cerca eventuali avvisi pubblicati e rispetta le regole dello spazio.

fonti

  • El Religions: Shinto . BBC, British Broadcasting Corporation, 7 ottobre 2011.
  • Bragg, Melvyn. H Shinto . Audio post sul blog. Nel nostro tempo. British Broadcasting Corporation, 22 settembre 2011.
  • McVay, Kera. Tutto su shintoista . Delhi: pubblicazioni universitarie, 2012.
  • Nueman, Lara. Naviga in un santuario shintoista giapponese. Go Go Nihon, Go! Partire! Mondo, 17 marzo 2018.
Fai l'occhio di Dio a Mabon

Fai l'occhio di Dio a Mabon

Il layout dei tarocchi a diffusione romana

Il layout dei tarocchi a diffusione romana

Come fare un sacchetto di carta dei tarocchi

Come fare un sacchetto di carta dei tarocchi