https://religiousopinions.com
Slider Image

Che cos'è l'animismo?

L'animismo è l'idea che tutte le cose inanimate e inanimate posseggono uno spirito o un'essenza. Coniato per la prima volta nel 1871, l'animismo è una caratteristica chiave di molte religioni antiche, in particolare delle culture tribali indigene. L'animismo è un elemento fondamentale nello sviluppo dell'antica spiritualità umana e può essere identificato in diverse forme nelle principali religioni del mondo moderno.

Key Takeaways: animismo

  • L'animismo è il concetto secondo cui tutti gli elementi del mondo materiale - tutte le persone, animali, oggetti, caratteristiche geografiche e fenomeni naturali - possiedono uno spirito che li collega tra loro.
  • L'animismo è una caratteristica di varie religioni antiche e moderne, tra cui lo shintoismo, la tradizionale religione popolare giapponese.
  • Oggi, l'animismo è spesso usato come termine antropologico quando si discute di diversi sistemi di credenze.

Definizione di animismo

La moderna definizione di animismo è l'idea che tutte le cose - inclusi persone, animali, caratteristiche geografiche, fenomeno naturale e oggetti inanimati - possiedono uno spirito che le collega tra loro. L'animismo è un costrutto antropologico utilizzato per identificare fili comuni di spiritualità tra diversi sistemi di credenze.

L'animismo è spesso usato per illustrare i contrasti tra credenze antiche e moderna religione organizzata. Nella maggior parte dei casi, l'animismo non è considerato una religione a sé stante, ma piuttosto una caratteristica di varie pratiche e credenze.

origini

L'animismo è una caratteristica chiave delle pratiche spirituali sia antiche che moderne, ma non è stata data la sua definizione moderna fino alla fine del 1800. Gli storici credono che l'animismo sia alla base della spiritualità umana, risalente al periodo paleolitico e agli ominidi che esistevano in quel momento.

Storicamente, i filosofi e i leader religiosi hanno tentato di definire l'esperienza spirituale umana. Intorno al 400 a.C., Pitagora discusse la connessione e l'unione tra l'anima individuale e l'anima divina, indicando una credenza in una "anima" dominante di umani e oggetti. Si pensa che abbia migliorato queste credenze mentre studiava con gli antichi egizi, la cui riverenza per la vita nella natura e la personificazione della morte indicano forti convinzioni animistiche.

Platone identificò un'anima in tre parti sia negli individui che nelle città della Repubblica, pubblicata intorno al 380 a.C., mentre Aristotele definiva gli esseri viventi come le cose che possiedono uno spirito in Sull'anima, pubblicato nel 350 a.C. L'idea di un animus mundi, o un l'anima del mondo, deriva da questi antichi filosofi, ed è stata oggetto di pensiero filosofico e, in seguito, scientifico per secoli prima di essere chiaramente definito nel tardo XIX secolo.

Sebbene molti pensatori pensassero di identificare la connessione tra mondi naturali e soprannaturali, la moderna definizione di animismo non fu coniata fino al 1871, quando Sir Edward Burnett Tyler lo usò nel suo libro, Cultura primitiva, per definire le più antiche pratiche religiose.

Funzionalità chiave

Come risultato del lavoro di Tyler, l'animismo è comunemente associato alle culture primitive, ma elementi di animismo possono essere osservati nelle principali religioni organizzate del mondo. Lo shintoismo, ad esempio, è la religione tradizionale del Giappone praticata da oltre 112 milioni di persone. Al suo centro c'è la credenza negli spiriti, noti come kami, che abitano tutte le cose, una credenza che collega lo shintoismo moderno con le antiche pratiche animistiche.

Fonte dello Spirito

All'interno delle comunità tribali australiane indigene, esiste una forte tradizione totemista. Il totem, di solito una pianta o un animale, possiede poteri soprannaturali ed è ritenuto riverenza come emblema o simbolo della comunità tribale. Spesso, ci sono tabù riguardo a toccare, mangiare o danneggiare il totem. La fonte dello spirito del totem è l'entità vivente, la pianta o l'animale, piuttosto che un oggetto inanimato.

Al contrario, gli Inuit del Nord America credono che gli spiriti possano possedere qualsiasi entità, animata, inanimata, vivente o morta. La credenza nella spiritualità è molto più ampia e olistica, poiché lo spirito non dipende dalla pianta o dall'animale, ma piuttosto dall'entità dipende dallo spirito che la abita. Ci sono meno tabù sull'uso dell'entità a causa della convinzione che tutti gli spiriti - umani e non umani - siano intrecciati.

Rifiuto del dualismo cartesiano

Gli esseri umani moderni tendono a situarsi su un piano cartesiano, con la mente e la materia opposte e non correlate. Ad esempio, il concetto di catena alimentare indica che la connessione tra specie diverse è esclusivamente a scopo di consumo, decadimento e rigenerazione.

Gli animisti rifiutano questo contrasto soggetto-oggetto del dualismo cartesiano, posizionando invece tutte le cose in relazione l'una con l'altra. Ad esempio, i Jain seguono rigide diete vegetariane o vegane che si allineano con le loro convinzioni non violente. Per Jains, l'atto di mangiare è un atto di violenza contro la cosa che viene consumata, quindi limitano la violenza alle specie con il minor numero di sensi, secondo la dottrina jainista.

fonti

  • Aristotele. On The Soul: and Other Psychological Works, tradotto da Fred D. Miller, Jr., ed. Kindle, Oxford University Press, 2018.
  • Balikci, Asen. "The Netsilik Inuit Today." Études / Inuit / Studieso, vol. 2, no. 1, 1978, pagg. 111-119.
  • Grimes, Ronald L. Letture in studi rituali . Prentice-Hall, 1996.
  • Harvey, Graham. Animismo: rispetto del mondo vivente . Hurst & Company, 2017.
  • Kolig, Erich. "Sistemi totemici aborigeni australiani: strutture di potere". Oceania, vol. 58, n. 3, 1988, pagg. 212–230., Doi: 10.1002 / j.1834-4461.1988.tb02273.x.
  • Laugrand Frédéric. Sciamanesimo e cristianesimo inuit: transizioni e trasformazioni nel XX secolo McGill-Queens University Press, 2014.
  • O'Neill, Dennis. "Elementi comuni di religione". Antropologia della religione: un'introduzione alla religione popolare e alla magia, Dipartimento di Scienze comportamentali, Palomar College, 11 dicembre 2011, www2.palomar.edu/anthro/religion/rel_2.htm.
  • Platone. The Republic, tradotto da Benjamin Jowell, Kindle ed., Enhanced Media Publishing, 2016.
  • Robinson, Howard. "Dualismo". Stanford Encyclopedia of Philosophy, Stanford University, 2003, plato.stanford.edu/archives/fall2003/entries/dualism/.
Origene: Biografia dell'uomo d'acciaio

Origene: Biografia dell'uomo d'acciaio

10 buoni motivi per essere pagani

10 buoni motivi per essere pagani

Jainism Beliefs: The Three Jewels

Jainism Beliefs: The Three Jewels